Tag

, ,

La zucca è l’indiscussa protagonista di questo periodo dell’anno (oggi, poi, è proprio la sua giornata!), e i primi freddi invitano a preparare una bella zuppa fumante: quale momento migliore per sposare le due cose, e portare in tavola una crema di zucca? E’ facile e veloce da preparare, buonissima e soprattutto davvero versatile: vegana e praticamente a prova di allergie nella sua versione base, si può arricchire con dettagli di sapore completamente diversi tra loro e capaci di renderla sempre nuova. Tra le tante ricette che ci sono, questa, semplicissima, è la mia.

Ingredienti

1 kg di zucca, 1 grossa patata, 1 cipolla bianca, olio extra vergine d’oliva, sale, pepe, rosmarino o prezzemolo

Tagliare a cubetti zucca e patata. Tritare la cipolla. Fa riscaldare in un casseruola alta l’olio e farvi appassire la cipolla su fiamma bassa. Prima che inizi a prendere colore, aggiungere la zucca e far insaporire, mescolando continuamente. Aggiungere la patata e coprire a filo di acqua calda. Coprire e far cuocere a fiamma moderata finché la zucca e la patata non saranno tenerissime. Frullare il composto e regolare di sale e pepe.

Si può servire semplicemente così, con un filo d’olio e un rametto di rosmarino se si preferisce un sapore più deciso, o una spolverata di prezzemolo per un tocco più fresco. Si può accompagnare con dei semplici crostini e una spolverata di parmigiano o renderla più gustosa ricorrendo ad una nutrita serie di varianti: julienne di pancetta croccante o di speck; quenelle di gorgonzola con trito di noci o di robiola con erba cipollina; dadolata di funghi porcini con prezzemolo; cappasanta grigliata e tagliata a fettine sottili; sbriciolata di amaretto.

E non pensiamo che la zuppa, in quanto piatto considerato “povero”, debba restare relegata al tavolo familiare. Al contrario, costituisce un’eccellente alternativa ai primi più classici anche quando abbiamo ospiti. Leggera e gustosa, è estremamente eclettica anche dal punto di vista del servizio, dato che si presenta egregiamente tanto in eleganti piatti di porcellana quanto in rustiche zuppierine di pane. Queste ultime, secondo me, sono meravigliose anche su una tavola di città: se siete abili panificatrici potete provare a farle in casa, o in alternativa farvele preparare da un panificio artigiano. Ovviamente vanno riempite proprio all’ultimo momento e servite subito, ma sono talmente belle che valgono questo piccolo disagio: portarle in tavola è un successo assicurato.