Tag

, , , ,

Sto seguendo in questi giorni l’iniziativa di due giovani blogger che si stanno cimentando in una serie di post sulla decorazione della tavola. Poiché come sapete amo e pratico la materia da quando ero poco più di una bambina, mi sono permessa di suggerire che, su una tavola dove si prevede di servire del vino, sarebbe buona cosa predisporre il doppio bicchiere. La blogger mi ha risposto di aver scelto consapevolmente di non metterlo perché voleva dare alla tavola un tono estremamente informale, e che per questo stesso motivo usa un solo bicchiere sia in famiglia che con gli amici più intimi.

La risposta mi ha dato da pensare, anche perché non è la prima volta che mi sento fare questo discorso. Mi sono quindi convinta che troppo spesso si cada nell’equivoco di credere che, nel preparare la tavola, certe attenzioni siano frutto di convenzioni superate e quindi vadano evitate se non si vuole passare per esagerati o, peggio, spocchiosi. In realtà – e se ci pensiamo un attimo, è assolutamente evidente – per buona parte le regole di base dell’apparecchiatura prima che a un criterio di forma rispondono ad un criterio di sostanza, e hanno molto più a che vedere con il ben gustare il cibo che non con la volontà di creare una tavola impegnativa.

Mi spiego meglio. Per restare all’esempio da cui siamo partiti, il doppio bicchiere  serve semplicemente a far sì che l’acqua sappia da acqua, e il vino da vino: esattamente lo stesso principio per cui non si mangiano primo, secondo e dolce nello stesso piatto. Anche la differente forma dei pezzi che compongono un servizio, vuoi di piatti, posate o bicchieri, corrisponde a un criterio funzionale. In qualche caso (pensiamo banalmente a piatto piano e fondina) il perché è assolutamente evidente, in qualche altro (vedi le tante forme dei bicchieri da vino, o di alcuni particolari tipi di forchetta) magari richiede un minimo di conoscenza in più: però ha sempre – sempre! – un suo preciso perché.

Poi sia chiaro, possiamo avere mille motivi per rinunciare a qualche elemento: possiamo non avere certi pezzi perché difficilmente li useremmo e magari non sapremmo neanche dove metterli, come possiamo averli ma decidere di non metterli in tavola perché in quel momento siamo di fretta o semplicemente non ne abbiamo voglia. Il mondo mica casca se serviamo acqua e vino nello stesso bicchiere: basta sia chiaro che metterli entrambi non vuol dire rendere formale la tavola, ma solo offrire a noi stessi e ai nostri eventuali ospiti il modo di gustare al meglio ciò che beviamo.