Tag

, , , ,

Tree of Love 4 by fangolNon ho mai amato la festa di San Valentino. Lontana mille miglia dalla mia cultura, proposta il più delle volte con una cornice stucchevole e dozzinale, mi è sempre stata cordialmente antipatica: non l’ho mai potuta soffrire nemmeno da ragazzina, quando si è tutte sole-cuore-amore. In quindici anni di matrimonio credo di averla festeggiata una sola volta, quando la figlia era piccolina e, in piena fase “principesse”, aveva preteso che per l’occasione ci sedessimo ad una tavola addobbata ad hoc a mangiare cibo a forma di cuore. Devo dire che, prendendola con la giusta dose di ironia, la cosa era risultata molto divertente, ma nonostante quello non avevamo più replicato.

Questa volta però è diverso. In quest’ultimo anno sono successe cose che mi hanno fatto molto riflettere su come sia facile dare per scontato l’amore. E non parlo solo dell’amore romantico, ma piuttosto di quel sentimento che ci attraversa ogni giorno e ci proietta con animo lieto verso ciò che di bello la vita ci offre: i nostri affetti, in primo luogo, ma anche le passioni che fanno brillare le nostre giornate. Può essere il cibo, la tavola, la musica, il nostro lavoro o lo sport che ci appassiona, non fa differenza: è comunque una ricchezza inestimabile perché nutre la nostra anima, e ci permette – anche nella difficoltà – di non dimenticare che la vita vale sempre la pena di essere vissuta.

Spesso, poi, ci affanniamo talmente nel rincorrere le incombenze quotidiane da non trovare nemmeno un momento per fermarci, guardare le persone che abbiamo accanto e dir loro quello che proviamo. E’ paradossale, ma è proprio in famiglia che certi gesti e certe parole vengono meno per prime, proprio perché le si da per scontate, quando invece non lo sono affatto. Eppure tra le mura domestiche sarebbe così facile trovare il momento, i gesti e le parole per esprimere il nostro amore: perché per quanto sia vero che questo sentimento è “paziente e generoso”, è altrettanto vero che per non spegnersi va nutrito, sempre.

Per questo il prossimo 14 febbraio festeggerò con mio marito e i nostri ragazzi. Certo, mi divertirò a preparare una tavola e un menù in tema, e se ritrovo cose che ho imboscato chissà dove anche qualche decorazione per la casa: ho già radunato molte idee interessanti, se avete voglia di dare un’occhiata le trovate come al solito qui.

Più di tutto però mi interessa creare un’occasione per dirci una volta in più quanto ci vogliamo bene, e quanto contiamo gli uni per gli altri. L’amore è un dono prezioso, e per questo è importante, ogni tanto, confezionarlo in modo che chi lo riceve si fermi un attimo, lo guardi bene, si prenda il tempo per coglierne appieno tutta la bellezza: non lo credete anche voi?