Tag

, , ,

©acasadibianca

©acasadibianca

C’erano dubbi? Ovviamente non ho resistito, e tempo due giorni mi sono fiondata al mercatino dell’usato dove mi era stata segnalata la presenza di tazzine da caffè “curiose” e quindi potenzialmente interessanti. Le tazzine (di manifattura tedesca, cinque più un sesto piattino) c’erano ancora, e “curiose” mi sembra la parola perfetta per definirle: purtroppo non molto ben conservate, sono davvero particolari per colore – un insolito aragosta – e finitura, un lucente effetto madreperlato. La cosa che più mi ha colpito, però, è che colore e finitura sono esattamente gli stessi di un servizio da cioccolata dei primi anni Venti che hanno i miei genitori: un autentico dejà vu!

©acasadibianca

©acasadibianca

Anche il decoro orientaleggiante rimanda all’inizio del Novecento.

©acasadibianca

©acasadibianca

Insomma, tutto mi ha fatto pensare che anche queste tazzine siano all’incirca di quel periodo. Ma se pure così non fosse, erano talmente insolite che, per quattro euro totali, mi pareva davvero un peccato lasciarle lì.

Così eccole, ad aggiungersi alla curiosa collezione di una che, pur non bevendo praticamente mai caffè, nell’ultimo periodo non fa che ritrovarsi con nuove tazzine. Unico rammarico è che difficilmente potrò pensare di utilizzarle, perché già nel lavarle ho notato quanto sia delicato il loro decoro. Pazienza. Resteranno tra quei piccoli tesori che si ha piacere, ogni tanto, di rimirare, se non altro per ricordare le curiose circostanze che ci hanno portati ad entrarne in possesso.