Barbecue, Blog with a dog, Fiori, Giardinaggio, Primavera, Ricevere, Ricevere all'aperto

Una Pasquetta da veri uomini (per tacer del cane)

©acasadibianca
©acasadibianca

Se il giorno di Pasqua è trascorso sotto la neve, il lunedì dell’Angelo si è aperto all’insegna di un cielo limpidissimo e di un sole meraviglioso.

Abituata come sono all’aria venefica di città e al cielo sempre un po’ velato dallo smog, ad aprire le finestre e respirare un’aria così tersa – per tacere dell’incantevole vista sul bosco da un lato, e sulla valle dall’altro – mi sembrava davvero di essere in paradiso.

Dopo una rapida colazione vergognosamente a base di avanzi pasquali (la mia voglia di cucinare si era esaurita con il giorno precedente), ho mollato la famiglia e sono uscita a fare una passeggiata con Ninni.

©acasadibianca
©acasadibianca

Freddo, c’era ancora freddo, ma ben presto il sole ha iniziato a intiepidire l’aria e mi sono finalmente goduta un po’ il bosco con i suoi fiori, ancora un po’ pesti per la nevicata del giorno precedente ma in rapida ripresa.

Le violette

©acasadibianca
©acasadibianca

dei fiori bianchi di cui non so il nome (qualcuno li conosce?) che mi fanno venire in mente i cappellini degli elfi

©acasadibianca
©acasadibianca

e degli altri che ricordano le cuffiette delle fate

©acasadibianca
©acasadibianca

D’obbligo una sosta alla mia aiuola di bulbi (la ricordate?) che ha iniziato la sua fioritura

©acasadibianca
©acasadibianca
©acasadibianca
©acasadibianca

 

©acasadibianca
©acasadibianca

A metà mattina la giornata si era fatta abbastanza tiepida, e ci siamo fatti così prendere dall’ottimismo che, complice il numero ridotto rispetto al giorno prima (eravamo rimasti in nove) e una compagine decisamente più sportiva, abbiamo stoicamente deciso di apparecchiare fuori. Non ho foto della tavola perché non era niente di che: diciamo in perfetto stile Oktoberfest chic.

Quanto al menu, se per contorno e affini abbiamo dato fondo agli avanzi del giorno prima, il piatto forte è stata la grigliata, attività cui si è dedicato con grande gioia i maschi di famiglia, entusiasti come sempre quando possono dare sfogo al loro coté cavernicolo. E a proposito di ritorni alle origini, anche Ninni ha sperimentato con entusiasmo la vita da vero cane: altro che crocchette superbilanciate, eccola qui alle prese con un autentico osso.

©acasadibianca
©acasadibianca

Tutto bene, quindi? Insomma. Appena ci siamo seduti a tavola hanno fatto capolino delle nuvolette dispettose, e si è alzato un gran vento. Nemmeno mettere i giacconi è stato sufficiente a salvare la situazione: abbiamo mangiato in fretta e furia e siamo scappati in casa, a riprendere temperatura davanti alla stufa. Come dire, i pranzi all’aria aperta possono attendere…

6 pensieri riguardo “Una Pasquetta da veri uomini (per tacer del cane)”

  1. Nuvoloni all’improvviso a parte, mi sembra sia stata una giornata incantevole: le passeggiate in solitaria o con la compagnia del proprio cane sono rigeneranti come nient’altro, soprattutto se il giorno prima hai messo a tavola tutta la famiglia con l’aggravante della lavastoviglie rotta! Anche l’idea del primo pranzo di stagione all’aperto mi rilassa solo a pensarci…
    E la tua aiuola con narcisi, gicinti e muscari è bellissima! Cerca di tornare per godertela un po’ prima che la fioritura termini.

    1. Non vedo l’ora di tornare in effetti, manca ancora tutta la fioritura dei tulipani ♡♡♡
      Per il pranzo all’aperto siamo stati dei veri incoscienti, c’era davvero troppo freddo. Meno male che non si è ammalato nessuno…

  2. Che meraviglia avere un luogo come questo, una casa dove rilassarsi e da dove partire per belle passeggiate. Comunque se ti può confortare in qualche modo anche mio marito è un patito delle grigliate che sono una sfacchinata pazzesca ma io ho posto la condizione che se le deve smazzare lui. Sempre.
    Ninni è splendida. La adoro. 🙂

    1. Mio marito griglierebbe sempre e comunque, è un vero fanatico. Per fortuna però non devo nemmeno chiedergli di arrangiarsi, anzi, è proprio lui a non voler nessuno intorno 🙂
      Di Ninni e l’osso ho anche una foto in versione (assai poco credibile, conoscendola) “belva sanguinaria”. Se riesco più tardi la posto su Instagram 😉

  3. Dalle tue foto è tutto meraviglioso♥e Ninni è stupenda ♥ comunque a me piace tanto vedere la natura che cambia col passare delle stagioni! Bacioni tesoro😘 💕 Buon weekend ♥

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.