Tag

, , , , , ,

©acasadibianca

©acasadibianca

Anche quest’anno niente arancio, per la mia casa d’autunno.

L’anno scorso avevo scelto per questo primo periodo della stagione di mezzo i toni del bianco e del verde, complice una produzione di fiori d’ortensia essiccati davvero ricca.

Purtroppo il caldo dell’estate ha fatto sì che i fiori si sciupassero già sulla pianta, e non sono riuscita a seccarne nemmeno uno. Così mi sono guardata intorno e ho deciso di virare verso un mix di verdi e marroni, spezzati da sfumature di rosa, lilla e viola.

Sulla credenza, il posto d’onore non poteva che andare al mio amato transferware, con un piatto ovale della linea “Harvest Time” di Johnson Bros. L’ho abbinato ad una teiera che non è esattamente autunnale, visto che è decorata con fiori di melo, ma ben si sposa al piatto per linea e colori, oltre che a una piccola bomboniera con un decoro a bacche. Completano il quadro il ramo di fiori in ceramica di Bassano, per l’occasione vestito di un nastro marrone, e uno dei miei amati candelieri a tre bracci.

©acasadibianca

©acasadibianca

Ecco un particolare del decoro del piatto.

©acasadibianca

©acasadibianca

Sul mobiletto d’ingresso, il tradizionale segno di benvenuto coniuga liberty e stile vittoriano. Un vaso francese degli anni Venti accoglie un magnifico mazzo di erica che ne riprende i colori.

©acasadibianca

©acasadibianca

Al centro, una ciotola ovale in vetro pressato rivestita di muschio e riempita di minuscole piantine di erica, scelte in tre varietà e sfumature differenti. Purtroppo per me e per fortuna delle piantine, la loro presenza in casa è temporanea: al primo segno di sofferenza, le trasferirò subito all’esterno.

©acasadibianca

©acasadibianca

Finiamo con il centrotavola, che ha come base il mio solito piatto d’argento con le melagrane in rilievo. Quest’anno ho scelto di creare una base di muschio, su cui ho adagiato piccole zucche nei toni del verde, tralci d’edera e frutti di nocciolo.

©acasadibianca

©acasadibianca

Per dare un po’ di colore, ciuffetti di lavanda e di velo da sposa punteggiano la composizione.

©acasadibianca

©acasadibianca

Ne ho preparata anche una seconda versione, in piccolo.

©acasadibianca

©acasadibianca

Carina, vero? L’unico problema è che non so dove metterla! In cucina non c’è posto, in camera nemmeno, la sala l’ho praticamente riempita… qualche suggerimento?