Bianco e blu, Brocante folies, Decorare, English Transferware, Stile, Tavola, Vintage

Brocante folies!, la guida. 12. I decori. Spode “Italian”

©acasadibianca
©acasadibianca

Esaurita la pausa vacanze, eccoci di nuovo all’opera e pronte a riprendere la serie di post dedicati al nostro amato english transferware. Una volta concluso il breve excursus sulle principali manifatture, è tempo di imparare a conoscere alcuni dei decori maggiormente noti.

Iniziamo alla grande con uno dei più importanti e spettacolari, appunto l’Italian di Spode, e lo facciamo con un’aiutante davvero speciale: la carissima Marina Minelli, del blog Altezza Reale, qui nella meno conosciuta veste di collezionista di english potteries.

Marina, che possiede un assortimento a dir poco invidiabile di questo splendido servizio, è stata infatti così gentile da scattare alcune foto ai suoi pezzi più rappresentativi, consentendomi di utilizzarle per illustrare questo post. Un grazie di cuore!

E veniamo a noi. L’Italian nasce nel 1816 ed è uno dei pochi decori storici tuttora in produzione. E’ stato prodotto principalmente in blu, nero, rosso, lavanda e prugna. I colori più insoliti sono molto ricercati dai collezionisti, ma la variante blu è però senza dubbio la più diffusa e amata: e come non capirlo? Guardate che meraviglia.

©Marina Minelli
©Marina Minelli

All’origine di questo decoro ci fu la volontà di incontrare i gusti del pubblico coniugando due elementi distinti: un bordo dallo stile spiccatamente asiatico e un centro ispirato alle stampe italiane.

©Marina Minelli
©Marina Minelli

Il bordo è infatti ispirato ai disegni che caratterizzano la pregiata porcellana giapponese di Imari.

©Marina Minelli
©Marina Minelli

I disegni centrali ricostruiscono invece scene pastorali della campagna italiana, dove personaggi e armenti si muovono tra suggestive rovine romane.

©Marina Minelli
©Marina Minelli

Una piccola curiosità: alcuni di questi decori, apparentemente identici tra loro, in realtà differiscono per alcuni piccoli particolari, quali ad esempio il numero di pecore raffigurate o altri dettagli. Sono minime licenze concesse agli autori delle diverse incisioni, che trovavano così il modo di esprimere le loro personali preferenze artistiche.

dal web
dal web

Come sempre, nel caso di decori dalla vita così lunga, oltre alle condizioni del singolo pezzo un buon indizio di datazione è offerto dalla marca. Non è purtroppo possibile, in questa sede, illustrare tutte le varianti che si sono succedute nel tempo. A titolo puramente esemplificativo, vediamone comunque alcune, a partire dalla marca storica, in questo caso stampata su un pezzo degli anni Trenta del Novecento.

dal web
dal web

La marca in uso nel 2000 circa.

dal web
dal web

La marca in uso ai giorni nostri

dal web
dal web

Come vedete l’evoluzione è molto significativa. Non solo cambia, aggiornandosi, la denominazione dell’azienda produttrice, ma varia anche il colore, dapprima blu come il decoro, quindi nero. Subentrano infine informazioni utili al consumatore, ottimo aiuto per conservare al meglio il manufatto. Eh già, perché questi articoli vanno trattati con la dovuta cura. A suo tempo parleremo anche di quello…

7 pensieri riguardo “Brocante folies!, la guida. 12. I decori. Spode “Italian””

  1. Voi due insieme, Donna Bianca e Marina, siete un’associazione a delinquere! 😉
    Molto interessante la storia di Spode e la collezione di Marina è molto bella. A me piace tentissimo quella foto che Marina aveva messo sui social la scorsa estate, della collezione racchiusa nella credenza della nonna… La credenza, bellissima di suo, veniva letteralmente accesa dal bianco e blu…

    1. Grazie cara 🙂 mi fa piacere che ti sia piaciuta la credenza, io la amo molto perché è un caro ricordo. Nelle prossime settimane cambierà posto,ho deciso di spostarla in un’altra parete (eh si sono una di quelle che ai mobili non gli fa mai trovare pace) per essere meno incastrata e più in vista. Blue Italian è un grande amore, anzi un primo grande amore che resta il più importante ma certo anche Burleigh (Asiatic e Regal Peacock) adesso mi sta conquistando parecchio e si sta facendo largo ma purtroppo la credenza dove sono alloggiati non è all’altezza… Dovrò provvedere.
      Comunque grande applauso alla nostra padrona di casa che ci fa scoprire tutte queste meraviglie.

  2. Troppo buone signore mie 😄
    Comunque quoto il commento di Simplicitas, la credenza con tutto quel bianco e blu è davvero stupenda. Io purtroppo ho solo una piccola vetrina dove tengo bicchieri e tazze, il resto è tutto al chiuso. Il che per fortuna ha anche i suoi vantaggi, come stipare senza nessuna attenzione all’estetica e farci stare parecchio di più 😉

    1. Be’ per me è importante anche vedere perché io per 13 anni sono stata sola a cena cinque giorni su sette quindi non è che facessi grandi apparecchiature, quindi almeno. Mi godevo la vista dei piatti e devo dire che nella casa vecchia la credenza aveva un posto migliore ed era molto più godibile, adesso sogno un mobile tipo vecchio armadio ma con ante a vetri per mettere le new entry, ma non ho più pareti libere 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.