Tag

, , , , ,

©acasadibianca

©acasadibianca

Nei giorni scorsi, strano ma vero, ho avuto un pomeriggio libero. Ne ho approfittato per scattare un po’ di foto per i prossimi post, e tanto che c’ero mi sono anche divertita a fare delle prove tecniche di apparecchiatura per una cena che dovrei dare il prossimo sabato.

Per tutta una serie di motivi, ho deciso per una tavola very, very british. Non solo per i piatti (bella fatica, ho praticamente solo piatti inglesi) ma proprio per lo stile e tutti i dettagli. Una tavola che, con i dovuti distinguo, il mio immaginario vedrebbe bene in un cottage immerso nella brughiera. Forse a prima vista potrà apparire un po’ seriosa, ma a me sembra perfetta per una sera primaverile – come pare sarà quella di sabato – fresca e piovosa.

Prima e clamorosa novità, un vero inedito per le mie cene cittadine, niente tovaglia! Con grande sprezzo del pericolo (abbiamo rifatto da poco il piano del tavolo, passando dal vetro al legno) ho optato per delle tovagliette all’americana rotonde color burro.

©acasadibianca

©acasadibianca

Nelle prove ho messo anche il sottopiatto, sempre in color burro, ma non sono sicura di riproporlo anche sulla tavola “vera”. Mi sembra che sia di troppo, e rubi un po’ la scena ai piatti, i miei adorati transferware multicolor della serie “Friendly Village”, di cui peraltro vi parlerò prestissimo.

©acasadibianca

©acasadibianca

Ho scelto, tra i tanti decori di cui è composto il servizio, quelli più spiccatamente primaverili, dove abbondano gli alberi in fiore.

©acasadibianca

©acasadibianca

©acasadibianca

©acasadibianca

Classicissime le posate, con il manico effetto avorio, e very british i bicchieri, vintage come i piatti e decorati dalle figure stilizzate di un cervo e della sua compagna.

©acasadibianca

©acasadibianca

Per l’acqua, ovviamente, la brocca inglese in cristallo e sheffield. Tovaglioli coordinati in cotone, niente centrotavola ma piccoli segnaposto floreali: per le prove ho utilizzato dei singoli tulipani rosa, a riprendere la fioritura dei decori, ma non mi dispiacerebbe trovare dei rami fioriti. Per questo però non posso decidere con certezza: vedremo cosa ci riserverà madre natura, e ci adatteremo…