Tag

, , , ,

Se c’è un tocco decorativo che non manca mai sulle mie tavole, per quanto magari piccolo e discreto, è il centrotavola. Capace di dare quel quid in più anche alla più semplice delle apparecchiature, non può assolutamente mancare sulla tavola di Pasqua. Oggi vi propongo un’idea carina e un po’ diversa dal solito, di tradizione anglosassone, che mi piace particolarmente perché si può adattare a tutti i gusti e a tutti gli stili: l’Easter basket, o cestino pasquale.

Coniglietto pasquale Villeroy & Boch a casa di PasquaL’Easter basket rende omaggio alla gioiosa tradizione della “caccia alle uova”, che vede i bambini – ciascuno col suo cestino – scatenarsi tra parchi e giardini alla ricerca delle uova nascoste per loro dal Coniglio Pasquale. E’ grazie a questa sua origine, così semplice e senza pretese, che per creare un perfetto cestino pasquale servono pochi elementi, il che lo rende una decorazione alla portata di tutti: bastano ovviamente un cestino, qualcosa per foderarne il fondo, delle uova e qualche piccolo elemento decorativo.

La tipica versione di questo cestino è molto allegra e vivace, proprio perché richiama un gioco infantile. Prevede quindi un cestino in vimini o in tessuto rivestito di stoffa o ovatta e pieno di uova colorate, vere o di cioccolata. Non può mancare un fiocco sul manico, qualche fiore qua e là e ovviamente un coniglietto in stoffa o peluche che spunti tra le uova.

Se ci piace l’idea di farne una versione più elegante, ma pur sempre rustica (lo dico? lo dico: country chic), possiamo optare per una base tutta in vimini, zinco o rete metallica – il classico cestino da uova delle nostre bisnonne, per capirci – in colore naturale o sbiancato, riempito di paglia, muschio o anche rivestito da un semplice tovagliolo di lino, sul quale adagiare uova rigorosamente sode di gallina, quaglia e anatra, alternate per colore e dimensione. Un coniglietto in materiale naturale che fa capolino, qualche fiore fresco aggiunto all’ultimo momento, magari un ramo d’ulivo appena tagliato arrotolato attorno al manico e fermato da un nastro in tinta naturale, e sarà perfetto.

Se al country chic preferiamo lo shabby, possiamo aggiungere al nostro cestino pizzi e nastri in colori pastello, e magari avvolgere le uova in fazzoletti di stoffa a piccoli fiori, tono su tono, legati da un nastro in raso o da una striscia di pizzo.

Vogliamo strafare e regalarci un Easter basket elegantissimo, adatto ad una apparecchiatura classica e di alto livello? Sceglieremo una base in argento, sheffield o ceramica riempita di stoffa pregiata (lino, seta) e adageremo al suo interno uova in porcellana dipinte. Le grandi manifatture ne fanno di meravigliose: al netto del costo (abbastanza impegnativo, purtroppo) c’è solo l’imbarazzo della scelta. Un piccolo coniglio sempre in porcellana completerà la magia, regalandoci un centrotavola spettacolare e all’altezza della tavola più lussuosa.

Andando sul concreto, volete vedere qualche esempio? Ecco pronta una bacheca Pinterest dedicata all’Easter basket. Se invece preferite restare su un genere più tradizionale, niente paura: ho creato per voi una seconda bacheca tutta per i centrotavola pasquali di gusto più classico. Buona scelta!