Tag

, , , , ,

L’estate inizia ormai a declinare. Il caldo si fa ancora sentire, le belle giornate non mancano ma il tramonto si fa ogni giorno un pochino più precoce. I prati piano piano riacquistano vigore, ripopolandosi di fili d’erba dal colore brillante. Sulle viti l’uva è quasi pronta, sulla tavola trionfano piccole prugne saporite e fanno capolino le prime mele. Le rose ci regalano l’ultima fioritura, prima di avviarsi verso il meritato riposo. La frenesia di colori tipicamente estiva poco a poco inizia a spegnersi, e per me che amo associare una tinta ad ogni periodo dell’anno questi sono i giorni del verde.

Brunch di fine estate a casa di Bianca

Ho voluto raccogliere la poesia del lento declinare dell’estate in una semplice tavola per due, apparecchiata sul terrazzo, e pensata per un rilassato brunch domenicale. Per una volta, niente piatti inglesi: protagonista di questa apparecchiatura è infatti un servizio ungherese in maiolica dipinta a mano – appunto sui toni del verde – che è stato uno dei più graditi regali di nozze.

Brunch di fine estate a casa di Bianca

Nessuna tovaglia, solo semplici tovagliette rotonde, bianche, per far risaltare al meglio il decoro a foglie d’edera che impreziosisce i piatti. Per accentuarne il sapore un po’ retrò ho scelto di abbinargli un servizio di Christofle degli anni Trenta: ne sopravvive giusto giusto quanto serve per due, e mi è sembrata l’occasione perfetta per tirarlo fuori dal cassetto. Semplicissimi e made in Svezia i bicchieri, in vetro verde perfettamente in nuance con il decoro delle maioliche.

Posate vintage Christofle a casa di Bianca

Visto il poco spazio a disposizione, ho evitato le decorazioni, a parte un centrotavola non troppo piccolo e divertente.

Tavola di fine estate a casa di Bianca

Ho infatti abbinato un classico bouquet di rose bianche ed edera con una ciotola in ceramica artigianale dalla forma davvero particolare: una foglia di loto con tanto di lumachina sul bordo.

Brunch con piatti Herend Village Pottery a casa di Bianca

Qui la vedete bene: non è deliziosa?

Ciotola con lumachina

In effetti più che una ciotola sarebbe un abbeveratoio da giardino per gli uccellini che ho preso da un artigiano toscano all’ultima edizione di Fiori nella Rocca: una volta a casa però mi è sembrato un po’ troppo delicato per lasciarlo esposto alle intemperie e ho deciso di destinarlo alla tavola.

Brunch con piatti Herend Village Pottery a casa di Bianca

Ecco, questa è per me una tavola che ha già i colori di settembre. E voi, avete già iniziato a mettere da parte le apparecchiature estive per fare posto ad atmosfere più sfumate?