Finalmente venerdì, Stile, Volersi bene

Finalmente venerdì! Sferruzzare, che passione

Come tutte le bambine della mia generazione cresciute a stretto contatto con una nonna, dagli otto ai dieci anni ho ricevuto anch’io una istruzione di base sui cosiddetti “lavori femminili”: un minimo di cucito, qualche nozione di ricamo a punto croce, lavoro a maglia. I primi due non mi hanno mai appassionata più di tanto, ma per il terzo è stato da subito vero amore, tanto da aver continuato a coltivarlo con entusiasmo anche una volta superata la fase “facciamo i vestitini per le bambole”.

Knitting, lo chiamano adesso che è tornato di moda e fa tanto “momento relax della celebrity”. Per me è sempre stato sferruzzare, una passione mai sopita accantonata solo quando le mie ormai ragguardevoli dimensioni (si fa per dire, visto che sono un tappo) avevano fatto diventare un’impresa un po’ troppo lunga e complicata realizzare maglioni o sciarpe per il mio personale fabbisogno. Avevo ripreso in mano i ferri con immensa gioia durante le due gravidanze, per sfornare cappellini, babbucce, golfini e piccole coperte per i miei cuccioli. Poi anche loro sono cresciuti, non hanno più voluto indossare altro che felpe e così ho di nuovo accantonato questa passione.

Però mi mancava, il paziente incrociarsi di ferri e lana alla sera, sul divano, nel silenzio della casa. Così mi sono guardata attorno e ho trovato il modo di darmi nuovamente da fare. L’attuale passione? Gli scaldacollo, facili, veloci e per me molto preziosi, sia nelle scarpinate cittadine tra casa e lavoro sia nei week end in collina, dove proteggono la mia capricciosa cervicale durante i lavori in giardino e qualche volta anche in casa, che al nostro arrivo è ovviamente un po’ freddina.

Dopo un paio di esperimenti necessari per riprendere la mano ma esteticamente terrificanti, perché realizzati con gomitoli di recupero, sto finalmente lavorando ad un capo presentabile. Ho scelto una lana morbidissima e calda, dal colore neutro, e non vedo l’ora di arrivare all’ultimo punto. Purtroppo il tempo che ho da dedicare a questa attività è proprio poco, e il lavoro procede con discreta calma: ma in fondo, come diceva il saggio, sta molto nel viaggio il vero senso del viaggiare.

27 pensieri riguardo “Finalmente venerdì! Sferruzzare, che passione”

  1. Anche mi nonna, tra l’altro 86enne e ancora in vita, mi ha insegnato a tenere i ferri in mano, così come l’uncinetto che ho rivalutato in questo periodo per realizzare collane lunghe impreziosite da piccoli strass, che regalerò alle amiche per Natale.
    Era da tanto tempo che non mi dedicavo a questo genere di lavoretti, avevo fatto un po’ di più ti croce anni indietro e mi rilassava molto ma poi il tempo è sempre quello che è, e la sera la stanchezza prende il sopravvento.
    Il cucito mi ha proprio stufato, l’ho fatto per più di 30 anni perché è stato il mio lavoro ma ora che ho smesso mi fa fatica anche attaccare un bottone a mio marito.
    Mi piacerebbe provare i ferri giganti, sai quelli per realizzare pouf o cuscini? Li hai mai provati? Oltretutto vista la nostra età sarebbero meno stancanti per gli occhi 😉

      1. Ciao Gisella, le collanine sono semplicissime, basta infilare nel gomitolo di filo circa 40/50 perline di cristallo che abbiano un bella luce magri alternandole in due colori poi inizi a lavorare delle catenelle e ogni tot, da 6 a 10, tiri su una perlina e la fissi con una maglia bassa o catenella poi ricominci a contrne altrettante e di nuovo tiri su uno strass dal gomitolo fino a terminarli, avrai una collana lunga molto chic, magari a metà perline sarebbe meglio infilare un ciondolino che dia pesantezza e centralità alla collana.
        Provare per credere.

          1. Cotone! E uncinetto molto fine, io sto usando un colore ecru ma son molto belle anche con filo nero e strass neri, diciamo che ogni 7 catenelle inserisco una perlina.

        1. Donna, qui si tratta solo di fare la maglia base dell’uncinetto, la catenella e nient’altro. Adesso ti mando una foto delle collanine già realizzate.

    1. Ciao Katia ho il iniziato da poco il mio progetto per ricoprire un pouf e sto usando i ferri n. 12 per me già grandissimi…confesso che preferisco quelli massimo 6 che si usano per i maglioni, vado più spedita nella lavorazione :). Bella la tua idea regalo homemade ma mi sono già persa a leggere i vari punti … 😄 buona giornata Luisa

  2. Buongiorno Bianca anche io sono stata una fan del lavoro a maglia, ho sferruzzato per me, per i bambini e per mio marito. Lo scorso anno mi sono fatta un bel pullover caldo, di quelli con laana grossa e morbida. L’inverno è la stagione migliore per sferruzzare e a Varese c’è un bellissimo negozio di lane (unico sopravvissuto…) bisognerebbe farci un passaggio

    1. Beata te io per trovare l’unico negozio superstite serio devo prendere l’auto, in centro ce n’è uno molto piccolo ma ha pochissimo. In compenso sono molto creativi perché ti vendono i gomitoli 100% poliestere come “lana vegan” 😂😂😂

  3. Che bello avere il tempo per sferruzzare un po!! anche se si procede con calma, purtroppo se porti avanti una passione non puoi portarne avanti altre, per il momento mi concedo la sera solo una sana lettura.

  4. Ciao Bianca che bella questa passione che condivido tantissimo e anche nei tempi …lunghetti :). Ho imparato anch’io dalla mia nonna materna, quella paterna era più propensa all’uncinetto ma io non sono molto brava in questo, anche se cerco di imparare grazie ai suggerimenti pure della mia mami, bravissima con tutte e due gli oggetti, fa copertine per tutti i nuovi nati sia in famiglia che per amici :). Adoro sferruzzare, anch’io ho iniziato con vestitini a gogo per le bambine e per me e qualche sciarpa per i miei nanetti…ho fatto recentemente delle tovagliette americane sia in lana che di cotone leggero e adesso nuovo progetto …devo ricoprire un pouf …con dei ferri n. 12 giganti 😄, vediamo quanto ci metterò! Come Gisella, ho un negozio vicino casa aperto da poco, da una ragazza che realizza delle cosine molto carine e organizza anche corsi in questo senso. Buon lavoro e relax allora. Baci Luisa

  5. Ciao Bianca! E’ sempre bello incontrare attraverso un blog persone che condividono la mia stessa passione, il lavoro a maglia! Io me ne sono innamorata da un annetto a questa parte, in maniera assoluta! Ho sempre sferruzzato, ma ultimamente è diventato un vero e proprio hobby, tanto che vi ho dedicato anche sul mio blog un post. Lo sai che esiste lo yoga kniy? Pare che sia provato che lavorare ai ferri dia lo stesso relax mentale di una sessione di yoga! Se ti va di leggere il mio post visita il mio blog, io ti seguo con piacere spero lo farai anche tu! Un abbraccio! http://www.tittymonamour.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.