Decorare, English Transferware, Ricevere, Stile, Tavola

Tavole. Cent’anni di meraviglia

L’estate volge dolcemente al termine: certo, il caldo si fa ancora sentire, ma le giornate si accorciano, la luce si fa più dorata, e inizia a fare capolino la voglia di nuovi colori e di nuove atmosfere. L’unica cosa cui non voglio rinunciare, almeno finché ne avrò la possibilità, è cenare all’aperto. Ecco perché, nel minuscolo spazio del nostro balconcino di città, ho voluto apparecchiare una tavola che abbia la dolcezza e i colori di un tramonto di fine estate.

Cent'anni di meraviglia a casa di Bianca

Sul solito runner di lino chiaro ho steso a mò di tovaglietta due tovaglioli pure in lino a fondo color corda, con un disegno rosa antico dal gusto decisamente liberty. Tovaglioli rosa completano la parte tessile.
Cent'anni di meraviglia a casa di BiancaCent'anni di meraviglia a casa di Bianca

Per i piatti, un accostamento di quelli che si fanno da soli. Li accomunano non solo la palette di colori, ma anche la provenienza (indovinate un po’? Inghilterra!) e l’età, dato che sono entrambi più che centenari. Si sono ritrovati qui per caso e per destino: i piatti transferware mi hanno infatti trovata durante il mio recente giro nelle Cotswolds, mentre i due piattini piccoli con gli iris facevano capolino, un po’ dimenticati, in un cestone in quel di Modena.

Cent'anni di meraviglia a casa di Bianca

Non potrebbero stare meglio assieme, non trovate anche voi?

Cent'anni di meraviglia a casa di Bianca

Spendo due parole anche sulle posate, pure inglesi, non ho ancora capito – non l’ho proprio cercato, a dire la verità – se di sheffield o silver plated. Le ho trovate in un mercatino e me ne sono innamorata seduta stante: sono da pesce, alimento che noi mangiamo tantissimo, e le ho davvero adorate, con quelle righe da distinto signore di inizio secolo e l’imperioso leone che le decora.

Cent'anni di meraviglia a casa di Bianca

Vintage anche i bicchieri, con i loro leggeri ghirigori incisi nel vetro.

Cent'anni di meraviglia a casa di Bianca

E’ decisamente misteriosa l’origine del vasetto, forse francese, sicuramente orfano del suo coperchio, che ne faceva probabilmente un contenitore per le spezie o la mostarda. Ne ho fatto la culla di un minuscolo bouquet di dalie color ruggine, fiori di carotilla e piccole margherite.

Cent'anni di meraviglia a casa di Bianca

Le mini dalie ritornano sui segnaposto, direi il dettaglio più divertente di tutta la tavola: dei piccoli bassotti, in teoria poggiacoltelli, che mi sono divertita a ingentilire con un fiocco verde di tulle e appunto un bocciolo di dalia.

Cent'anni di meraviglia a casa di Bianca

Basta così poco, a volte, per rendere speciale una tavola!

Cent'anni di meraviglia a casa di Bianca

Tranquilli, non ho dimenticato la #pubblicitàaggratis!

Runner in lino: no brand, preso on line

Tovagliette: Zanotto Nives 

Tovaglioli rosa: Coin

Piatti grandi: Ford & Sons “Brampton”, primo Novecento, presi in un charity shop in Inghilterra

Piatti piccoli: Aynsley, vintage, presi da Enjoy coffee and more

Bicchieri: vintage, presi in un mercatino

Posate: età ignota (primo Novecento?), prese in un mercatino

Vasetto centrotavola: vintage, non marcato (credo francese) preso in un mercatino

Bassotto segnaposto: Silver-Collection, vintage, presi in un mercatino

8 pensieri riguardo “Tavole. Cent’anni di meraviglia”

  1. Meravigliosa
    Come si distinguono le forchette da pesce dalle altre
    Entrambe le forchette che hai messo sono da pesce
    Mi piacerebbe acquistare delle posate da pesce che possano accordarsi sia ad un servizio importante che a quello più semplice cosa mi consigli?

    1. Sono entrambe da pesce perché 1) il servizio ha solo quelle e 2) quando mangiamo pesce lo usiamo come ingrediente sia del primo/antipasto che del secondo/piatto unico. La forchetta da pesce in realtà non è così diversa da quella “normale”, spesso – ma non sempre – ha lo scanso centrale tra i rebbi più profondo e le piccole scanalature che vedi anche qui ai due lati. Più caratteristica la forma del coltello, che come noto non serve per tagliare ma per pulire il pesce da lischette & affini.

  2. Vasco Rossi cantava “odio il lunedì” ,io invece lo adoro… perché arrivano le tue tavole sullo schermo del mio tablet 😄. Che dire di questa? I fiori ruggine perfetti , le tonalità dicono “finire di agosto” , piatti superbi, bicchieri e posate pure e il tutto danza insieme meravigliosamente.

    1. Intanto grazie infinite per le bellissime parole, poi cosa dire, l’idea rallegrare il lunedì a qualcuno mi tende davvero strafelice e quindi… rallegra anche il mio! Grazie ancora@

  3. Concordo, anch’io aspetto impaziente il lunedì per vedere che cosa tiri fuori dal cappello magico per allietare l’inizio della settimana! Tavola incantevole, toni perfetti per il caldo che si smorza dolcemente… Con quei toni bruno-rosati vedrei bene un dessert di pesche, magari un po’ rétro, come le pesche ripiene amaretti e cacao che preparava mia nonna in questo periodo…

    1. Imtanto grazie, mi fa tanto piacere vedere che i miei esperimenti vi piacciono! E poi devo dirti che le pesche al forno con gli amaretti e il cacao sono una proposta davvero indovinata, dato che rientrano a pieno titolo nelle ricette storiche di famiglia: anche da noi le faceva la nonna, ora l’addetta è mia sorella e ogni volta che le prepara è un tuffo nell’infanzia ❤

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.