arte della tavola, Autunno, Ricevere, Stile, Tavola

Arte della tavola. Novembre e l’essenziale

“La semplicità è la necessità di distinguere sempre, ogni giorno, l’essenziale dal superfluo”
(Ermanno Olmi)

Novembre finisce, silenzioso come è arrivato. Gli alberi sono ormai spogli, la terra si è fatta fredda e brulla, il cielo è sempre più grigio e piovoso. E’ un tempo sospeso, di attesa: appena un mese, e sarà Natale! Si avvicina un periodo di festa, gioia e abbondanza. Anche troppa, a volte. Ecco perché voglio salutare novembre con una tavola rigorosa e essenziale, come il mese che stiamo per lasciarci alle spalle.

Salsiera inglese antica

E’ essenziale già la palette, ridotta a due colori: bianco e marrone. Sono essenziali i materiali, pulite le linee, sobrie le decorazioni. La definirei una tavola silenziosa, ma capace comunque di profonde suggestioni.

Come base, ho scelto la storica tovaglia color burro del mio corredo, semplice e allo stesso tempo classica e elegante. Sono di linea essenziale e sempre color burro anche i piatti piani: un tono su tono spezzato dal marrone dei sottopiatti, in paglia sottile tessuta a maglie larghe.

Marrone e burro ritornano anche sui piattini da antipasto, inglesi, di fine Ottocento, con un decoro ricco e allo stesso tempo leggero tipico del movimento artistico dell’Estetismo, dove fiori e disegni dalle suggestioni orientali si intrecciano in armonia.

Il color burro ritorna anche sulle posate, mentre delicati disegni decorano i bicchieri.

Essenziali e tono su tono le decorazioni. Un cervo in legno scuro abbraccia il tovagliolo.

Al centro della tavola, la salsiera del servizio aggiunge un tocco di colore e di eleganza, mentre gli ultimi frutti della terra – pigne, nocciole e castagne – punteggiano la tovaglia.

Unico tocco di luce, due candelieri in silver posti alle estremità del tavolo.

E’ un’ode alla sobrietà e all’essenzialità. Un modo, se vogliamo, per prendere respiro prima di immergerci nelle sontuose atmosfere natalizie. E a proposito di atmosfere natalizie, vi aspetto la prossima settimana per presentarvi – e non da sola! – la mia prima proposta per la tavola delle feste. Mi raccomando, non mancate!

Momento #pubblicitàaggratis!

Tovaglia e tovaglioli: Tessitura Ulbrich, Brunico

Sottopiatti: no brand, presi in un outlet

Piatti piani: CuNoBa, presi in un outlet

Posate: Eme, prese da Coin

Bicchieri: no brand, vintage, presi in un mercatino del riuso

Piattini e salsiera: John Meir & Son “Chios”, seconda metà dell’Ottocento, presi da Chiara Simonini / Enyojcoffeeandmore

Lega tovaglioli in legno: Dolfi, Ortisei

Candelieri in silver: no brand, vintage, presi in un mercatino dell’antiquariato

Nocciole, castagne e pigne: dal mio amato Alto Adige, e dal bosco che circonda la casa in collina

2 pensieri riguardo “Arte della tavola. Novembre e l’essenziale”

  1. Amo le tavole che rispecchiano il ciclo della natura, e questa è perfetta per chiudere in bellezza novembre: di un’eleganza quasi monacale, quasi giapponese nella sua essenzialità, è un sicuro antidoto alla paccottiglia kitsch-natalizia 🙄 che sta già invadendo molti negozi. I piatti sono stupendi!

    1. “Antidoto alla paccottiglia” è una definizione che mi piace moltissimo: per quanto io ami il Natale e sia pronta a farne il protagonista del prossimo mese, qui e altrove, prometto che starò alla larga da ogni eccesso. Insomma Natale sì, fiera del kitsch no: o almeno, lo spero…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.