arte della tavola, Giardino, Ricevere, Stile, Tavola

Arte della Tavola. Il canto dell’estate

“Alzo una rosa e, sì, sento la vita / in questo canto di uccelli sulle mie spalle” (José Saramago)

L’estate arriva, e in collina il bosco risuona del benvenuto degli uccelli. Cince, upupe, colombacci, picchi, scriccioli e chissà cos’altro ancora si nasconde tra gli alberi: è un canto a mille voci, volta a volta argentine o cupe. A questo canto dedico la tavola di oggi.

©acasadibianca – tutti i diritti riservati

Il tavolo ottagonale è questa volta apparecchiato sul prato, sotto il noce che ogni anno ci regala un po’ più di ombra. Sullo sfondo il muro dove crescono le rose, lo scenario perfetto per una tavola che traghetti dalla primavera all’estate.

©acasadibianca – tutti i diritti riservati

La tovaglia bianca ricamata ingentilisce l’insieme e gli dà quella nota romantica ma non stucchevole che mi piace tanto. I piatti piani hanno un delicato decoro in verde, che fa appena capolino sotto il piatto da antipasto, dove una coppia di colombi (a dire il vero dall’espressione un po’ scontrosa) posa su un ramo fiorito.

©acasadibianca – tutti i diritti riservati

Tovaglioli in lino, bicchieri di cristallo e posate in alpacca* completano l’aria un po’ retrò dell’insieme.

©acasadibianca – tutti i diritti riservati

Giugno è il mese delle ciliegie: ne sono molto golosa e non potevo certo farle mancare su questa tavola. Eccole come segnaposto, a dare un tocco di colore ai tovaglioli immacolati.

©acasadibianca – tutti i diritti riservati

Eccole, soprattutto, al posto d’onore, il centrotavola. Una piccola zuppiera ancora delicatamente decorata in verde accoglie una composizione di ciliegie e fiori, raccolti freschissimi dal non-giardino e dal prato: è un abbinamento che mi piace molto, e lo faccio spesso. Inoltre piace molto ai commensali più golosi, che come ultima portata potranno divertirsi a piluccare il centrotavola!

Centrotavola con frutta e fiori
©acasadibianca – tutti i diritti riservati

Ecco, questa è la mia tavola per salutare la primavera, e attendere l’arrivo dell’estate: sarà un’estate diversa, non ci sono dubbi, ma sono sicura che sapremo comunque assaporarne il meglio!

Tavola estiva in giardino
©acasadibianca – tutti i diritti riservati

Ovviamente, ecco la #pubblicitàaggratis!

Tovaglia: vintage, presa in mercatino del riuso

Tovaglioli in lino: Coin

Piatti piani: Spode “Ruskin House”, presi on line sul sito della manifattura

Piattini: Alfred Meakin “Birds of America”, vintage, presi in vari mercatini del riuso

Zuppiera: Mason’s “Fruit Basket”, vintage, presa in un charity shop in Inghilterra

Posate: no brand, vintage, prese in un mercatino del riuso

Bicchieri: no brand, vintage, prese in un mercatino del riuso

Ciliegie: dal contadino della contrada vicina

Fiori: dal non-giardino e dal prato della casa di collina

*Attenzione: ricordate che l’alpacca contiene nichel. Se avete ospiti sensibili a questo materiale, mi raccomando non usatele!

4 pensieri su “Arte della Tavola. Il canto dell’estate”

  1. Sempre belle, le tue tavole: di questa ammiro in particolare i simpatici piatti “pennuti” e la deliziosa zuppiera portafiori/frutta; il bel tono di verde ci ricorda che la stagione dei fiori va cedendo il passo a quella dei frutti: speriamo di goderla con maggiore libertà! 😷
    Qui la maturazione delle ciliegie è stata precoce: sono finite quasi tutte nella pancina dei piccoli Unni, quelle rimaste stipate in congelatore per un dessert invernale dal sapore d’estate. Gli uccelli invece continuano imperterriti: il cuculo non è ancora riuscito a trovare una compagna e ci ha ossessionati giorno e quasi notte col suo monotono richiamo; iniziano a cantare gli usignoli, i picchi sono sempre al lavoro… e io ho dovuto attrezzarmi perché due tortore, con decine di comodi alberi a disposizione nei paraggi, hanno deciso di nidificare sui bracci ripiegati del tendone parasole del terrazzo. Così ho dovuto foderare il braccio e ricoprire di teli di plastica ringhiera e pavimento, perché i pennuti non usano i Pampers…🙄 Ovviamente dovrò rinunciare all’ombra finché i loro pargoli non saranno volati fuori dal nido: gli inconvenienti della vita in campagna!
    Complimenti per la diretta del nuovo ciclo sui fiori: molto interessante, e le tue spiegazioni sono chiare e avvincenti! Alle prossime puntate!

    1. Eh già, i pennuti non usano i Pampers (anche nel piccolo giardino della mia mamma ci sono le tortore) né rispettano “gli orari di riposo”: anche in collina c’è un cuculo che martella incessantemente dalle 8 della mattina al pomeriggio inoltrato. Se vivessi lì, probabilmente non lo troverei così poetico 😉
      Grazie per il riscontro sulle dirette sui fiori: è un progetto abbastanza impegnativo in questo momento, un po’ complicato sul fronte familiare, ma l’idea mi piaceva molto e così mi sono buttata lo stesso. Sapere che piace è davvero un grande incoraggiamento!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.