Tempo di inventari

Tag

, , ,

Tra i libri che più mi sono di ispirazione nella mia passione per l’arte di apparecchiare (dovrò farveli vedere, prima o poi), c’è sicuramente Tavole del famoso architetto e interior designer Alberto Pinto (1943-2012). Ora, di tutto il libro, che pubblica un allestimento più incredibile dell’altro, sapete quale è la pagina su cui ho veramente lasciato il cuore? Eccola qua

Alberto Pinto, tavole

Cioè, ci rendiamo conto? Una stanza intera solo per piatti, bicchieri e compagnia meticolosamente censiti e archiviati, tutti sott’occhio e a portata di mano. Proprio come me insomma, che ormai ho roba ovunque, sistemata rispondendo solo al criterio “ok, qui ci sta”, tanto che spesso e volentieri mi dimentico di quello che ho e, se anche me lo ricordo, non so dove cercarlo.

Così, ispirata dal mio guru ma non disponendo di una vera stanza da utilizzare, ho deciso di crearne una virtuale. Ecco quindi che nelle prossime settimane (o più probabilmente mesi) mi dedicherò a un ambizioso progetto: censire e catalogare tutto quello che possiedo relativo alla tavola in un database che mi consenta di avere sempre una visione complessiva del mio corredo e mi permetta di recuperare al volo ciò che mi serve senza dover ogni volta ribaltare la casa.

Non so se ridere o piangere al pensiero (ho veramente di tutto di più e ho occupato ogni pertugio disponibile), ma voglio essere ottimista e pensare a quanto mi sarà utile il risultato finale: un impeccabile archivio virtuale dove saranno sufficienti pochi click per avere in perfetta evidenza ciò che potrebbe essermi utile in quel momento. E non escludo che, lungo la strada, la Marie Kondo che forse è in me (molto ben nascosta, almeno al momento) faccia anche in modo che mi decida a declutterare qualcosina.

Non è un’idea meravigliosa? Ora si aprono le scommesse: avrò davvero il tempo e la pazienza di realizzare questo progetto? Ai posteri l’ardua sentenza…

Fall tablescape blog hop. Inizio autunno nel bosco

Tag

, , , , , ,

E finalmente eccola qui, la mia tavola per il nuovo blog hop di Chloe Crabtree dedicato all’autunno. Lo confesso, non è stato così facile: ho preparato e scattato con un caldo terrificante, zero colori autunnali intorno e una discreta difficoltà nel reperire gli accessori decorativi. Nonostante tutto, ce l’ho fatta, e oggi posso finalmente mostrarvi il risultato.

Fall tablescape alfresco a casa di Bianca

Non è una tavola da pieno autunno (per quella, vi aspetto su questi schermi nelle prossime settimane), direi piuttosto da inizio stagione, quando ancora si può pranzare all’aperto, magari con una pashmina leggera appoggiata sulle spalle, accarezzati da una luce dorata e inspirando aria finalmente frizzante.

Fall tablescape woodland themed a casa di Bianca

E infatti eccola apparecchiata nel mio piccolo regno di collina, la mia tavola d’autunno, per godere ancora una volta dell’incredibile vista sul bosco e sulla valle che tanto amo di questo posto: peccato non avere ancora nemmeno un accenno di foliage, perché il risultato sarebbe stato ancora più spettacolare.

Fall tablescape a casa di Bianca

 

Come base, ho scelto una grande tovaglia di lino, di manifattura toscana, con un decoro di cui al tempo mi ero talmente innamorata da prenderne addirittura tre pezzi: due tovaglie (rettangolare e quadrata) e un runner. Ha colori delicati, sembra un acquerello e soprattutto riprende uno dei miei temi preferiti per la stagione autunnale: il bosco e i suoi abitanti. Lungo tutto il suo perimetro infatti, tra rami di nocciolo carichi di frutti, si rincorrono simpatici scoiattoli e regali gufi dalle piume candide.

Fall tablescape blog hop a casa di Bianca

Una vera ode all’autunno, non trovate anche voi?

Tessitura toscana telerie a casa di Bianca

Non volendo distogliere troppo l’attenzione dalla ricchezza del disegno, ho abbinato dei piatti bianchi, valorizzati da sottopiatti effetto legno in perfetta nuance con la tovaglia.

Fall tablescape a casa di Bianca

Ancora creature del bosco per i miei adorati piattini inglesi, che raffigurano i dolcissimi musetti di una volpe e di una lepre. Semplicissime le posate e trasparenti i bicchieri, per non appesantire una tavola decisamente stretta.

Fall tablescale Wrendale Design a casa di Bianca

E veniamo alle decorazioni. Una tovaglia così protagonista a mio gusto non aveva bisogno di molto altro. Mi è piaciuto riprenderne il disegno con dei segnaposto fatti di foglie fresche di nocciolo con quei pochissimi frutti scampati alla golosità degli scoiattoli, quelli veri, che dopo due anni di latitanza hanno ricominciato a popolare il bosco che circonda la casa.

Hazelnut placemat a casa di Bianca

Immancabile, come in tutte le mie tavole, il tocco floreale. Come dicevo, la natura offre ancora poco di autunnale, e ho dovuto accontentarmi di quel che ho trovato: rametti di sanguinella con le sue bacche scure, le ultime more, qualche fiore di carota selvatica e alcune rose bianche portate apposta dalla città.

Romantic fall centerpiece

Ne ho ricavato due piccole composizioni molto semplici, sistemate in vecchi vasetti di marmellata, perfette per dare un tocco di romanticismo alla tavola senza risultare troppo invadenti.

Floral fall centerpiece a casa di Bianca

Ecco, questa è la mia prima tavola d’autunno, e non vedo l’ora di conoscere il vostro parere. Avete già visto le meraviglie preparate dalle mie compagne d’avventura? Ve le ricordo qui sotto: andate a cliccare sui singoli link e… buon divertimento!

Monday

Tuesday

Rattlebridge Farm
Knock it Off Kim
The Painted Apron
Savvy Apron
Living With Thanksgiving

Wednesday

Sweet Sensations
Twelve On Main
Life and Linda
Rosemary and Thyme

Thursday

Me and My Captain
Starfish Cottage
Our Crafty Mom
Dining Delight
Celebrate and Decorate

Friday

A casa di Bianca
Hey Fitzy
Red Cottage Chronicles
Rustic & Refined
Supper Table Talk

 

Piccoli segni d’autunno in collina

Tag

, , , ,

Lo scorso week end, cercando disperatamente di sfuggire all’ennesima ondata di caldo tropicale, ci siamo rifugiati in collina. Nonostante l’aria ancora rovente, l’autunno mostra già i suoi primi, timidi segnali.

Bacche di sanguinella

La budleia apre le sue ultime spighe bianche e profumate per le tante farfalle che ancora popolano il non-giardino.

Pianta delle farfalle

Nel prato arso dalla siccità una macchia azzurra resiste coraggiosamente: sono i fiori della cicoria, spettacolari di primo mattino, ma velocissimi a chiudere le corolle non appena il sole li sfiora.

Fiori di cicoria

Dietro la casa, la legna finisce di seccare in vista dell’inverno.

Legnaia a casa di Bianca

Lungo il parapetto in legno, l’uva – sopravvivenza di un tentativo di viticoltura dei precedenti proprietari – sta coraggiosamente maturando.

Vigneto a casa di Bianca

Nel bosco e nella corte sbocciano i primi ciclamini, riempiendo l’aria del loro profumo.Ciclamini selvatici a casa di Bianca

Lungo il sentiero che porta alla contrada, la pyracanta si sta coprendo di una spettacolare cascata di bacche dorate.

Bacche di piracanta a casa di Bianca

La notte si fa limpida e dolce.

Sera d'estate a casa di Bianca

Decisamente, l’estate sta per finire.

Progetti d’autunno. Fall tablescape blog hop, e non solo

Tag

, , , ,

L’estate è agli sgoccioli, è stata lunga e insopportabilmente calda e non credo di essere l’unica ad avere già una gran voglia di autunno. Anche per questo – oltre che perché mi diverto come una matta – ho accettato volentieri l’invito di Chloe di Celebrate & Decorate a prendere parte al suo nuovo Blog Hop, dedicato questa volta alla tavola autunnale.

Vi anticipo già che non sarà l’unico! Chloe è veramente un vulcano di idee e ha fissato un calendario di iniziative davvero fitto e interessante che ci accompagnerà fino a Natale.

Mi piace davvero partecipare a questo suo progetto, e non solo perché amo apparecchiare tavole, ma soprattutto perché è un’occasione per conoscere e interagire con blog simili al mio, che come noto nel panorama italiano è abbastanza anomalo. Insomma, un divertimento e una grande opportunità di confronto e di crescita: cosa chiedere di più?

Ma bando alle ciance. Il mio post è in programma venerdì, e vi aspetto come sempre per conoscere la vostra opinione. Vi anticipo che non è stato semplice pensare e allestire una tavola autunnale in giorni ancora torridi, ma alla fine ce l’ho fatta e sono anche molto contenta del risultato.

Aspettando venerdì, vi invito a curiosare ogni giorno tra i blog delle mie compagne di avventura: ci sono diversi nuovi ingressi decisamente interessanti, ed è un’ottima occasione per trovare idee e spunti originali per le nostre tavole d’autunno! Vi lascio di seguito i link da seguire giorno per giorno, ricordando che le partecipanti vivono quasi tutte in Nordamerica (ancora una volta, credo di essere l’unica europea – per dire quanto questo genere di blog sia più diffuso oltreoceano!) quindi alcuni dei post potrebbero essere visibili per noi solo nel pomeriggio.

Buon divertimento, e… a venerdì su questa pagina!

Monday

Tuesday

Rattlebridge Farm
Knock it Off Kim
The Painted Apron
Savvy Apron
Living With Thanksgiving

Wednesday

Sweet Sensations
Twelve On Main
Life and Linda
Rosemary and Thyme

Thursday

Me and My Captain
Starfish Cottage
Our Crafty Mom
Dining Delight
Celebrate and Decorate

Friday

A casa di Bianca
Hey Fitzy
Red Cottage Chronicles
Rustic & Refined
Supper Table Talk

Decorare. Un brunch di fine estate

Tag

, , , , ,

L’estate inizia ormai a declinare. Il caldo si fa ancora sentire, le belle giornate non mancano ma il tramonto si fa ogni giorno un pochino più precoce. I prati piano piano riacquistano vigore, ripopolandosi di fili d’erba dal colore brillante. Sulle viti l’uva è quasi pronta, sulla tavola trionfano piccole prugne saporite e fanno capolino le prime mele. Le rose ci regalano l’ultima fioritura, prima di avviarsi verso il meritato riposo. La frenesia di colori tipicamente estiva poco a poco inizia a spegnersi, e per me che amo associare una tinta ad ogni periodo dell’anno questi sono i giorni del verde.

Brunch di fine estate a casa di Bianca

Ho voluto raccogliere la poesia del lento declinare dell’estate in una semplice tavola per due, apparecchiata sul terrazzo, e pensata per un rilassato brunch domenicale. Per una volta, niente piatti inglesi: protagonista di questa apparecchiatura è infatti un servizio ungherese in maiolica dipinta a mano – appunto sui toni del verde – che è stato uno dei più graditi regali di nozze.

Brunch di fine estate a casa di Bianca

Nessuna tovaglia, solo semplici tovagliette rotonde, bianche, per far risaltare al meglio il decoro a foglie d’edera che impreziosisce i piatti. Per accentuarne il sapore un po’ retrò ho scelto di abbinargli un servizio di Christofle degli anni Trenta: ne sopravvive giusto giusto quanto serve per due, e mi è sembrata l’occasione perfetta per tirarlo fuori dal cassetto. Semplicissimi e made in Svezia i bicchieri, in vetro verde perfettamente in nuance con il decoro delle maioliche.

Posate vintage Christofle a casa di Bianca

Visto il poco spazio a disposizione, ho evitato le decorazioni, a parte un centrotavola non troppo piccolo e divertente.

Tavola di fine estate a casa di Bianca

Ho infatti abbinato un classico bouquet di rose bianche ed edera con una ciotola in ceramica artigianale dalla forma davvero particolare: una foglia di loto con tanto di lumachina sul bordo.

Brunch con piatti Herend Village Pottery a casa di Bianca

Qui la vedete bene: non è deliziosa?

Ciotola con lumachina

In effetti più che una ciotola sarebbe un abbeveratoio da giardino per gli uccellini che ho preso da un artigiano toscano all’ultima edizione di Fiori nella Rocca: una volta a casa però mi è sembrato un po’ troppo delicato per lasciarlo esposto alle intemperie e ho deciso di destinarlo alla tavola.

Brunch con piatti Herend Village Pottery a casa di Bianca

Ecco, questa è per me una tavola che ha già i colori di settembre. E voi, avete già iniziato a mettere da parte le apparecchiature estive per fare posto ad atmosfere più sfumate?